Salta al contenuto

Separazione e divorzio in Comune

Dal 2014 e' possibile, per i coniugi che intendano separarsi o divorziare consensualmente:
- negoziare tra di loro un accordo con l'assistenza di almeno un legale per parte o
- se sussistono determinate condizioni, sottoscrivere tra di loro un accordo di separazione o di divorzio innanzi all'Ufficiale dello Stato Civile.

Separazioni e divorzi con l'assistenza dell'avvocato
E' possibile pervenire alla separazione personale, al divorzio o alla modifica delle condizioni di separazione o divorzio, con una convenzione di negoziazione, assistita da almeno un avvocato per parte.
La procedura prevede che l'accordo debba essere munito di nulla osta rilasciato dalla Procura della Repubblica:
- in assenza di figli
- in assenza di figli minori
- in presenza di figlio maggiorenne autosufficiente non portatore di handicap grave.
La procedura prevede che l'accordo debba essere munito di un'autorizzazione rilasciata dalla Procura della Repubblica (previa valutazione dell'interesse dei figli):
- in presenza di figli minori
- di figli maggiorenni portatori di handicap grave
- di figli maggiorenni non autosufficienti.
Uno degli avvocati , una volta ottenuto il nulla osta o l'autorizzazione da parte del P.M. dovra' trasmettere l'accordo entro 10 giorni al Comune di:
- celebrazione del matrimonio in forma civile
- celebrazione del matrimonio in forma religiosa
- trascrizione del matrimonio celebrato all'estero (da due cittadini italiani, o da un cittadino italiano e un cittadino straniero)
In caso di ritardo (trasmissione dopo i 10 giorni) e' prevista una sanzione amministrativa pecuniaria da 2.000,00 a 10.000,00 Euro a carico degli avvocati procedenti.

Separazioni e divorzi innanzi all'Ufficiale di Stato Civile
I coniugi possono comparire direttamente innanzi all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune per concludere un accordo di separazione, di divorzio o di modifica delle precedenti condizioni di separazione o di divorzio.
L'assistenza degli avvocati difensori e' facoltativa.
Competente a ricevere l'accordo e' il Comune di:
- celebrazione del matrimonio in forma civile
- celebrazione del matrimonio in forma religiosa
- trascrizione del matrimonio celebrato all'estero (da due cittadini italiani, o da un cittadino italiano e un cittadino straniero)
- residenza di uno dei coniugi
Condizioni per la sottoscrizione dell'accordo
E' possibile rivolgersi all'Ufficiale di stato civile del Comune solo quando non vi siano figli minori o figli maggiorenni portatori di handicap grave o economicamente non autosufficienti (saranno considerati unicamente i figli comuni dei coniugi richiedenti).
L'accordo non potra' contenere patti di trasferimento patrimoniale, ma potra' essere inserito nell'accordo un obbligo di pagamento di una somma di danaro a titolo di assegno periodico sia nel caso di separazione consensuale sia in caso di divorzio.

I coniugi, sempre a condizione che non vi siano figli minori o figli maggiorenni portatori di handicap grave o economicamente non autosufficienti, possono dichiarare congiuntamente innanzi all'ufficiale di stato civile di voler modificare le condizioni di separazione o di divorzio gia' stabilite limitatamente a: - attribuzione assegno periodico - la sua revoca - la sua revisione quantitativa Non potra' costituire oggetto dell'accordo innanzi all'ufficiale dello stato civile la previsione della corresponsione in un'unica soluzione dell'assegno di divorzio (cd. liquidazione una tantum).

A chi si rivolge

Il servizio è rivolto ai coniugi che vogliono separarsi o divorziare

Accedere al servizio

Come si fa

E' necessario rivolgersi all'Ufficio di stato civile dove è stato registrato l'atto di matrimonio o al Comune di residenza dei coniugi.

Cosa serve

E' necessario sottoscrivere il modulo di domanda

Costi e vincoli

Costi

Euro 16,00 diritto fisso richiesta di separazione/divorzio/modifica condizioni innanzi all'Ufficiale dello Stato civile

Tempi e scadenze

Fasi dell'accordo innanzi all'Ufficiale dello Stato civile:

1. prenotazione di appuntamento con l'Ufficio di Stato civile previa trasmissione, allo stesso, della dichiarazione sostitutiva di certificazione sottoscritta individualmente da ognuno dei coniugi

2. il giorno dell'appuntamento entrambi i coniugi si dovranno presentare innanzi all'Ufficiale di Stato Civile e sottoscriveranno l'accordo di separazione o di divorzio ed in quella sede dovranno effettuare un versamento di Euro 16,00 (diritto fisso ex art. 12, c. 6 L.162/2014)

3. l'Ufficiale dello Stato Civile concorderà con i coniugi una data per un nuovo appuntamento (da fissare oltre i 30 giorni dalla firma dell'accordo)

4. nel giorno prestabilito entrambi i coniugi si dovranno ripresentare innanzi all'Ufficiale di Stato Civile per confermare o meno l'accordo sottoscritto. La mancata comparizione equivarrà a mancata conferma dell'accordo.

5. la conferma dell'accordo fara' decorrere gli effetti della separazione o divorzio dalla data della sua prima sottoscrizione

ATTENZIONE: non è possibile modificare la data della conferma dell'accordo, nemmeno per ragioni di forza maggiore. La mancata comparizione anche di uno solo dei coniugi, in ogni caso comporterà la mancata conferma dell'accordo, e per addivenire alla separazione/divorzio dovrà essere avviato un nuovo procedimento.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

16-11-2022 10:11

Questa pagina ti è stata utile?