Il primo stemma del Comune fu adottato il 18 aprile 1860 dall'Aggiunta comunale scegliendo "l'antico stemma raffigurato secondo un timbro conservato". Ma lo stemma comunale con il trascorrere degli anni assunse fogge differenti, l'unico comune denominatore fu la presenza di due "putti".

L'attuale stemma del Comune e il relativo Gonfalone sono stati adottati dal Consiglio comunale con deliberazione n° 6 del 30 gennaio 1992 ed ufficialmente concessi con decreto del Presidente della Repubblica 14 aprile 1992.

Lo stemma e il gonfalone

Lo stemma, che è riportato nell'intestazione del sito internet, è così ufficialmente descritto:

"d'azzurro, ai due putti ignudi, di carnagione, capelluti di nero, allumati di azzurro, con la faccia in maestà e i corpi leggermente volti verso il centro; il putto posto a destra sostenente con la mano destra, il putto posto a sinistra sostenente con la mano sinistra, la rotella d'argento, caricata dal motto, in lettere maiuscole di nero, W L'ITALIA, in due righe, essi putti sostenuti dalla campagna diminuita d'oro. Ornamenti esteriori da comune".

Il Gonfalone è così ufficialmente descritto:

"drappo di giallo riccamente ornato di ricami d'argento e caricato dello stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in argento, recante la denominazione del Comune. Le parti di metallo ed i cordoni saranno argentati. L'asta verticale sarà ricoperta di velluto giallo, con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati di argento".

Questa pagina ti è stata utile?